Sollevate questioni di costituzionalità del c.d. Italicum

n. 2/2016 | 25 febbraio 2016 | © Copyright | - Giurisprudenza, - Top, Elezioni, Parlamento | Torna indietro More

TRIBUNALE DI MESSINA – ordinanza 17 febbraio 2016* (solleva q.l.c. di varie norme della L. n. 52 del 2015 – c.d. Italicum – che disciplina il sistema elettorale per l’elezione del Parlamento italiano nella parte in cui: a) fanno scattare il premio di maggioranza – con attribuzione di 340 seggi alla Camera – alla lista che ha superato la soglia del 40 % dei voti al primo turno di votazione ovvero, in mancanza, alla lista che abbia comunque vinto il ballottaggi; b) non prevedono alcuna soglia minima di votanti e di voti validi per accedere al ballottaggio; c) escludono dall’attribuzione dei seggi le liste che non hanno superato la soglia del 3 % dei voti validi; d) computano nel calcolo delle predette soglie anche i voti espressi nelle circoscrizioni Trentino Alto Adige e Valle d’Aosta, pur se gli stessi non concorrono alla ripartizione dei seggi assegnati al di fuori delle rispettive Regioni).


ATTENZIONE: questa pagina è riservata agli abbonati. Per accedere ad essa, inserisci le chiavi di accesso nelle sottostanti caselle. Per attivare un abbonamento, clicca qui. Per contattarci al fine di chiedere informazioni, clicca qui.

Autenticazione
 Ricordami